Appena alcuni giorni fa la trans Roberta Giulia Mezzasalma aveva annunciato la sua candidatura alle Regionali siciliane con l’Udc a sostegno del candidato Presidente Nello Musumeci. Una candidatura che ha destato molto interesse e ha attirato le attenzioni dei media nazionali. Nel corso di una intervista a Radio Cusano Campus la donna ha parlato della sua condizione di trans, spiegando di averla vissuta come “una disgrazia“. Tanto è bastato per subire un attacco da parte di diverse associazioni Arcigay che hanno visto tradito, in questo pensiero, l’orgoglio Lgbti.

Giulia Mezzasalma ha replicato con un video sul suo profilo facebook: “Mi corre l’obbligo di controbattere alle terribili accuse mossemi dai presidenti delle associazioni Arcigay di tuta Italia in questi giorni. Sono stata attaccata in maniera forte, vile e con ogni sorta di bassezza verbale il tutto per delle mie personali considerazioni rese pubbliche da una nota emittente nazionale che ad oggi voglio confermare e sottoscrivere”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicilia, la candidata trans dell’Udc: “Mi chiamavo Gianluca e oggi sono Roberta Giulia. Ecco perché mi candido”

prev
Articolo Successivo

Cosimo Mele, morto l’ex deputato Udc. Dallo scandalo a luci rosse (e cocaina) alle accuse di doppia morale alla politica

next