Non esagera, Romano, che a cavallo dell’insediamento del quarto governo Berlusconi si dimise tra le polemiche dopo aver disposto la pubblicazione online di tutte le dichiarazioni dei redditi per il 2005. L’anno scorso, ha calcolato la Corte dei Conti, i contribuenti controllati sono stati l‘1,9% del totale. Secondo la magistratura contabile il titolare di un bar o di una gelateria rischia, si fa per dire, una visita fiscale ogni 30 anni. I ristoratori sono soggetti a un controllo ogni 24 anni, le imprese dell’edilizia ogni 26. I medici possono dormire sonni ancora più tranquilli: per loro i controlli arrivano in media una volta ogni 91 anni. Non a caso i livelli di evasione restano sostanzialmente costanti da un anno all’altro. Stando alla Relazione sull’evasione allegata alla Nota di aggiornamento al Def, varata pochi giorni fa dal governo, lavoratori autonomi e imprese mostrano una propensione all’inadempimento dell’Irpef che supera il 67%, cioè quasi 7 su 10 non pagano il dovuto. E l’Italia è al primo posto nell’Unione europea per Iva evasa: 35 miliardi nel 2015. In lieve calo sull’anno prima per effetto delle nuove norme sul pagamento diretto da parte della pubblica amministrazione (split payment), sull’inversione del pagamento (reverse charge) in alcuni settori e sulla comunicazione telematica dei dati delle fatture. Ma la cifra resta circa il 25% dell’imposta sul valore aggiunto evasa complessivamente nell’Unione, mentre il pil italiano è sì e no il 10% di quello Ue.

“Il piccolo contribuente che riceve un controllo tende comunque a tornare ad evadere. Del resto, se l’azione di controllo non è sistematica non ha alcuna efficacia deterrente“, spiega a ilfattoquotidiano.it Fabio Di Vizio, sostituto procuratore a Pistoia, titolare di molte indagini sul riciclaggio ed ex componente del comitato degli esperti dell’Unità di informazione finanziaria (Uif) presso la Banca d’Italia. “Lo scambio automatico di informazioni, per esempio, è un incentivo a mettersi in regola solo se poi i dati vengono utilizzati”. Di Vizio, durante la rassegna InsolvenzFest organizzata dall’Osservatorio sulle crisi di impresa, ha presentato una corposa relazione sull’evasione fiscale basata sui rapporti della Corte dei Conti, i dati Istat e Bankitalia e i report annuali della commissione istituita dal Tesoro. Quarantanove pagine che danno conto nel dettaglio “dell’insuccesso delle politiche fiscali e dell’irrisolto contrasto tra le diverse esigenze in campo” dopo “oltre ottanta condoni fiscali in poco più di 150 anni di storia unitaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni, dopo 9 mesi la circolare sull’estensione del cumulo gratuito è pronta a vedere la luce

next
Articolo Successivo

Ilva, tutti i nodi da sciogliere dopo il muro contro muro sui salari: dagli esuberi alle ripercussioni sull’indotto

next