“Non c’è rispetto per l’intelligenza degli italiani”. È il primo commento del Movimento 5 stelle (che rimane a bocca asciutta di cariche) all’elezione di Pier Ferdinando Casini quale presidente della Commissione d’inchiesta sul sistema bancario. Alessio Villarosa in sala stampa a Palazzo san Macuto – sede della Commissione – denuncia il conflitto d’interesse indiretto del Presidente Casini “in un mondo come quello bancario dove le parentele contano moltissimo. Questa Commissione rischia purtroppo di essere una farsa”. Villarosa inoltre annuncia che il primo atto del M5s in Commissione sarà quello di chiamare Federico Ghizzoni per chiedere conto le dichiarazioni di Ferruccio De Bortoli che il sottosegratario alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi ha smentito minacciando querela a De Bortoli. Querela mai arrivata.
“Noi non abbiamo votato per Casini ma siamo soddisfatti per l’esito della votazione” afferma Renato Brunetta che è stato eletto Vicepresidente della Commissione d’Inchiesta.
Il Partito Democratico manda in sala stampa l’altro Vicepreseidente eletto, il senatore Mauro Maria Marino, che conferma che non lascerà la carica di Presidente della Commissione Finanze del Senato e che scambia Brunetta per Baretta (Pier Paolo, segretario al Ministero dell’economia). Critica con l’elezione di Casini anche Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni: “La presidenza spettava a un membro dei partiti di opposizione”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mantovani imputato per corruzione nella Sanità nominato nella commissione che in Regione si occupa dello stesso settore

prev
Articolo Successivo

Codice Antimafia, via libera definitivo alla Camera ma il governo dovrà ‘monitorare’ il nuovo sequestro di beni a corrotti

next