“Commissione sulle banche nata morta? Cinque mesi sono pochi, ma il tempo per lavorare c’è”. Nel giorno dell’elezione alla presidenza di Pier Ferdinando Casini, il presidente del Pd Matteo Orfini si è difeso dalle accuse per il sostegno dem all’ex leader Udc alla guida della commissione d’inchiesta sul sistema bancario: “Casini diceva che istituire una commissione sulle banche era “demagogia e propaganda”? È una soddisfazione che chi non la voleva ora si debba occupare di farla funzionare”. Ma sulla proposta di sentire Federico Ghizzoni – richiesta che sarà rilanciata dal M5s in commissione – sul caso Banca Etruria, Orfini ha preso tempo: “Valuteremo con gli altri partiti, credo non ci sarà alcuna omissione. Certo, le crisi sono state tante e credo si debba partire da qualche anno fa…”, ha rivendicato. Secondo quanto scritto nel suo ultimo libro da Ferruccio De Bortoli, l’allora ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, chiese all’ ad di Unicredit, Federico Ghizzoni, di intervenire a sostegno della banca. Maria Elena Boschi ha smentito minacciando querela a De Bortoli. Ma la querela non è mai arrivata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Codice Antimafia, via libera definitivo alla Camera ma il governo dovrà ‘monitorare’ il nuovo sequestro di beni a corrotti

prev
Articolo Successivo

Pd, sulla terrazza del Nazareno dibattito in stile Forza Italia: Giuliano Ferrara parla dell’incubo della Repubblica giudiziaria

next