Prima i parlamentari, poi i ministri, infine il presidente del Consiglio. Tutti uniti nella parola “complotto” o – è il caso di Paolo Gentiloninel definire “inaccettabili” i comportamenti che, stando all’audizione del procuratore capo di Modena Lucia Musti, avrebbero avuto il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio e l’ex capitano del Noe Gian Paolo Scafarto. Che adesso rispondono. Soprattutto il Capitano Ultimo, pronto al rilancio, a “un confronto pubblico”, dice.

Dopo due giorni nei quali da più fronti sono arrivate le condanne per il “è una bomba” e “scoppierà un casino, arriviamo a Renzi” che i due uomini dell’Arma, stando ai verbali della prima commissione del Consiglio superiore della magistratura, avrebbero riferito a Musti, De Caprio definisce tramite il suo avvocato “gravissime” e “infondate” le accuse mosse nei suoi confronti nell’inchiesta Consip.

L’obiettivo, spiega il suo legale Francesco Romito, è quello di dissipare ogni dubbio rispetto a “paventate minacce alle istituzioni ed altre azioni eversive” cui hanno fatto riferimento “diversi parlamentari”, il “ministro della Difesa e infine il premier”.

Per questo De Caprio si rende disponibile a un dibattito “al fine di chiarire dubbi e sospetti su paventate minacce alle istituzioni democratiche ed altre azioni eversive o illecite”. “Ci rendiamo disponibili – prosegue il Capitano Ultimo – ad un pubblico dibattito dove poter esercitare il diritto di difesa e di informazione mediatico, a prescindere dalle altre iniziative che avranno il loro corso nelle sedi opportune”. Un incontro che potrebbe essere svolto in tv o in altre modalità.

Scafarto, intervistato da La Repubblica, si definisce invece un “operaio dello Stato da 23 anni” e per questo si dice “amareggiato” dalle accuse che gli vengono rivolte. Smentendo l’esistenza di un piano eversivo ai danni dell’ex premier Matteo Renzi, Scafarto inquadra il lavoro del Noe: “Siamo gente che pensa solo a lavorare, il nostro obiettivo era capire come stavano le cose”. Quanto alla frase ‘scoppierà un casino, arriviamo a Renzi, “siete sicuri che l’abbia detta?”, chiede.

“Verrà il mio giorno, la verità rende liberi e io sono un uomo libero – conclude – Come lo è il colonnello De Caprio, un uomo di una sensibilità straordinaria, con un cuore grandissimo, leale e onesto come non ne ho conosciuti mai, che c’ha rimesso soldi di tasca sua e non ha mai chiesto niente a nessuno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consip, Woodcock poteva intercettare Tiziano Renzi prima del referendum ma non lo fece: “Rispetto istituzionale”

next
Articolo Successivo

Separarsi può essere devastante, soprattutto per il portafogli

next