Henry John Woodcock avrebbe potuto intercettare Tiziano Renzi già nel novembre dello scorso anno, mentre il figlio – allora premier – combatteva la sua battaglia per il Sì al referendum sulla riforma costituzionale. Ma decise di mentire ai suoi investigatori, ritardando l’inizio delle operazioni per quello che il suo avvocato chiama, in un intervento su La Verità, “un rispetto istituzionale che non si è mai visto nei confronti di nessuno”.

Nei giorni in cui il magistrato napoletano e gli uomini del Noe dei carabinieri sono sotto attacco della politica che parla di “complotto” dopo le rivelazioni davanti alla commissione del Csm della procuratrice capo di Modena Lucia Musti, emerge un altro aspetto dell’inchiesta Consip – con date ben precise e non interpretabili – che racconta come la procura di Napoli abbia avuto tatto nei confronti di Matteo Renzi e suo papà.

È il 17 novembre 2016 quando il gip risponde positivamente alla richiesta di Woodcock di ascoltare le telefonate sulla linea di Tiziano Renzi, avanzata nove giorni prima. Da quel momento, il pm napoletano può accendere le cimici. Tuttavia decide di non farlo. Ai suoi investigatori mente, dicendo che il giudice ha negato la possibilità di intercettare il papà del premier, indagato per traffico d’influenze. In realtà ha in tasca il ‘sì’ del gip, ma preferisce attendere perché mancano poco più di due settimane al voto.

E dal telefono di Tiziano Renzi potrebbero emergere conversazioni di ‘natura politica’. Inoltre, qualora i sospetti si fossero sostanziati in telefonate compromettenti, avrebbe potuto essere necessario procedere con una perquisizione nei confronti del papà dell’allora premier provocando un clamore mediatico capace di influenzare il risultato delle urne. Per questo Woodcock, titolare dell’inchiesta insieme al pm Celeste Carrano, firma un decreto di differimento dell’avvio delle operazioni. Quel provvedimento è agli atti dell’indagine. Svolto il referendum, fu dato il via libera alle intercettazioni che cominciarono il 5 dicembre, il giorno dopo la consultazione. Renzi, affondato nelle urne, si era già dimesso nella notte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piazza della Loggia, la verità già nota 40 anni fa. Ma le indagini puntarono altrove

prev
Articolo Successivo

Consip, il Capitano Ultimo risponde alle accuse: “Pronto a un confronto pubblico, contro di me accuse gravi e infondate”

next