“Si apre ufficialmente oggi la campagna elettorale del Movimento animalista“. Dal teatro Dal Verme di Milano, Michela Brambilla dà vita alla sua nuova creatura politica con l’intenzione di farla correre alle prossime elezioni politiche. La giornata è partita con la direzione nazionale del partito, proseguita con una manifestazione di piazza contro la caccia e si è conclusa con il discorso dal palco dell’ex ministro del governo Berlusconi e tutt’ora deputata di Forza Italia. In platea centinaia di persone accompagnate dai loro amici a quattro zampe: “Non penso che il mio cane si annoi ad ascoltare la Brambilla ma non sono in grado di capirlo”.

Berlusconi a Milano non si fa vedere anche se sono in molti a ringraziarlo: “Lui è il socio fondatore che mette i soldi, non poteva fare una cosa migliore”. Ma la Brambilla difende l’indipendenza del suo Movimento: “Non ci ha dato niente nessuno, purtroppo noi siamo completamente al verde”. Ad animare la giornata un pubblico eterogeneo: “Io sono del Fronte animalista – racconta un uomo vestito completamente di nero – noi siamo a favore di chi commette i reati per salvaguardare i diritti degli animali ma anche di chi prova a entrare in Parlamento sempre con lo stesso obiettivo. E’ un po’ come l’Eta che aveva il braccio armato ma anche il braccio politico, quindi è una sinergia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porto di Genova, patto tra i camalli e l’uomo di Toti: 50 assunzioni anche se il lavoro è poco. Paga l’Inps

next
Articolo Successivo

Roma, qualche fischio per la Raggi alla partenza della maratona della Pace: “Ce la facciamo anche senza Olimpiadi”

next