Un Clemente Mastella in lacrime si presenta davanti ai giornalisti che lo attendevano all’’hotel President di Benevento per la conferenza stampa convocata in seguito all’assoluzione. “Mi è stata restituita la dignità politica – dice il sindaco di Benevento – tutti si divertivano a tirarmi in ballo quando si parlava di malapolitica”. In conferenza stampa l’ex ministro della Giustizia, sotto lo sguardo attento della moglie Sandra Lonardo, rincara la dose. “Voglio che Wikipedia cancelli quello che e’ scritto nella mia pagina altrimenti non esiterò a querelare chi diffonde notizie false su internet. Io sono stato assolto, questo è il dato”. Mastella si scaglia anche contro esponenti politici, definendo il M5s e il suo vicepresidente della Camera Luigi Di Maio un “giovanotto piccolo borghese che aspira a fare il presidente del Consiglio”. Infine tira in ballo anche gli Stati Uniti. “Spero che arrivino le scuse dal governo degli Stati Uniti perché tre anni fa mi impedirono di imbarcarmi pur avendo il visto. Ho subito anche questa umiliazione – racconta il primo cittadino sannita ricordando anche un episodio per il quale si vide respingere l’ingresso all’aeroporto di Fiumicino per raggiungere in America l’amico Diego Della Valle. “Sul web circolavano notizie false o imprecise sul mio processo – ricorda l’ex guardasigilli – e in base a quelle notizie si decise di negarmi l’ingresso negli Stati Uniti. Addirittura l’ambasciata che contattai mi sconsigliò di imbarcarmi perché non avrebbero fatto atterrare l’aereo. Credo mi si debbano delle scuse, in fondo ero un semplice indagato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Assolto in appello ex dg di Expo Christian Malangone per caso Maroni

prev
Articolo Successivo

Monza, corruzione nella sanità: arrestati 12 medici. “Compravano protesi di bassa qualità in cambio di soldi e regali”

next