Condannati per non aver denunciato le violenze avvenute nel carcere minorile di Bologna. L’ex comandante della polizia penitenziaria dell’istituto Aurelio Morgillo e due agenti, Alfonso Caracciolo e Antonino Soletta, sono stati condannati dal giudice Sandro Pecorella per omessa denuncia, con la sospensione condizionale, rispettivamente a cinque mesi, quattro mesi e a una multa di 350 euro.

Il processo riguardava fatti del 2011 e, secondo l’accusa, i poliziotti non denunciarono episodi di lesioni e percosse avvenuti tra i giovani detenuti del Pratello.
Morgillo, difeso dall’avvocato Paola Benfenati, è stato ritenuto responsabile dell’unico fatto che gli veniva contestato. “Attendiamo di leggere le motivazioni e poi valuteremo. L’esito del dibattimento non era scontato”, ha detto il suo difensore. Soletta è difeso dall’avvocato Gian Andrea Ronchi. A fine 2011 il ministero rimosse i vertici dell’istituto di pena dopo l’avvio di inchieste della Procura bolognese su presunte violenze e abusi, di cui questo processo era un filone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, i giornali e le bufale su violenze inventate e polizze antistupro. Questore: “Distinguere tra luoghi comuni e dati”

prev
Articolo Successivo

Ius soli, tensione al sit-in per la cittadinanza. Movimenti di destra vs manifestanti: “Italia agli italiani”. La replica: “Che ignoranza”

next