“Ho non pochi problemi sulla questione dei respingimenti dei migranti. Se respingiamo a monte le persone che però vanno a finire in campi di concentramento senza controllo nostro né dell’Onu, ho dei dubbi che sia una cosa giusta e fondata”. A un anno di distanza dalle polemiche sulla presenza dell’Anpi alla Festa Democratica e dopo la frattura con il Pd dovuta alla campagna per il No al referendum costituzionale, il Presidente associazione nazionale dei partigiani Carlo Smuraglia torna sul palco della Festa dell’Unità di Torino. Ma non risparmia critiche. Parlando della gestione della questione migranti l’ex senatore infatti si dice dubbioso sulle politiche attuate dal governo italiano: “Il Ministro degli Interni sta facendo il possibile sul tema immigrazione, ma qualche volta bisogna che si renda conto che l’umanità non ha confini e bisogna pretendere condizioni umane ovunque”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Scordiamoci gli anni 90 e i miracoli”, la linea mediana di Gentiloni a Cernobbio

next
Articolo Successivo

M5s, Di Battista alla Festa del Fatto: “Io candidato alle primarie M5s? Saprete a tempo dovuto cosa farò”

next