Un’indagine con l’ipotesi di omicidio colposo. È il fascicolo aperto dalla procura di Napoli per indagare sulla morte di Antonio Scafuriil giovane deceduto dopo quattro ore di attesa in codice rosso all’ospedale Loreto Mare, a Napoli. Il 23enne era arrivato in corsia a causa delle gravi ferite riportate in un incidente stradale avvenuto a Ercolano il 16 agosto: in ospedale era in attesa di essere sottoposto a un esame diagnostico.

Dopo i primi rilievi condotti dal pm Fabio De Cristofaro, con il coordinamento del procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli, il fascicolo d’indagine è stato assegnato al pm Michele Caroppoli della sesta sezione coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio. Gli inquirenti eseguiranno una serie di accertamenti preliminari, tra cui l’acquisizione della cartella clinica e l’audizione di alcuni testimoni, prima di procedere alla nomina di un consulente medico legale per l’autopsia. L’esame medico sarà svolto in settimana. Con l’affidamento dell’incarico al consulente saranno contestualmente emessi gli avvisi di garanzia nei confronti degli indagati.

“Siamo arrivati al Loreto Mare attorno alle 21.30 e siamo stati subito assistiti”, ha raccontato Raffaele Scafuri, padre di Antonio. “Poi mio figlio è stato posto su un lettino in attesa di effettuare l’esame utile a comprendere se vi fossero problemi ai vasi sanguigni. Ma su questo lettino è rimasto per ore: saranno state le 4 quando ho alzato la voce e solo allora medici e infermieri si sono messi d’accordo, dopo che li avevamo visti anche litigare. Intanto Antonio moriva”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciro Cirillo, anche da morto l’ex dc fa paura

next
Articolo Successivo

Pedofilo scarcerato a Reggio Emilia, il caso arriva al Csm. Il consigliere Zanettin (Fi): “Si valuti incompatibilità del gip”

next