Non scioglie la riserva ma lascia aperta la porta, Vasco Errani, a margine della conferenza stampa di oggi a Palazzo Chigi dove è stata confermata la fine del suo mandato di commissario per la ricostruzione, a un anno dalle scosse del sisma del 24 agosto scorso nel Centro Italia. “Arriverà un nuovo commissario”, conferma Errani. “Come ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni“. “La politica non c’entra niente con queste scelte”, chiosa il commissario per la ricostruzione. “Non sono affatto alla ricerca di poltrone”. Ma si candiderà con Mdp? “Parlerò di politica dopo la scadenza del mio contratto, il 9 settembre”. “Era un impegno e questi erano gli accordi. Ho fatto l’impianto della ricostruzione. Ora l’evoluzione ci sarà con un nuovo commissario e mettendo al centro il protagonismo del territorio: Comuni e Regioni. La criticità è strutturale. Si è trattato di quattro terremoti: ogni volta abbiamo dovuto ricominciare daccapo”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Syria is off limits. War is over, you can go away

next
Articolo Successivo

Iraq, here in Dohuk where war is a job. And you can choose the one you prefer

next