“Il sindaco lancia la proposta che gli piace, ma il migrante va aiutato al suo Paese”. Lo dicono alcuni cittadini di Reggio Calabria dopo l’idea avanzata nei giorni scorsi dal sindaco Giuseppe Falcomatà di abbassare le tasse nelle città che accolgono i migranti. Chiedendo agli abitanti per le strade della città c’è chi è favorevole all’idea del primo cittadino (“È una proposta saggia perché siamo una città martoriata”) e chi, invece, non è convinto che a Reggio possano diminuire le tasse: “Non penso che il Comune possa permetterselo perché ci sono tutte le strade piene di voragini e la città è sporca”. “Io cancellerei la parola migrante perché siamo tutti cittadini del mondo. – dice un signore – Abbassare le tasse sarebbe un’opportunità. Ma dovrebbe essere reale non fittizia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Politica estera italiana, ovvero l’inno al servilismo

next
Articolo Successivo

Abusivismo, scontro Verdi-M5s Bagheria: “Loro regolamento è una sanatoria”. “Falso, abbattiamo case dei mafiosi”

next