“Mentre l’Italia sta vivendo un’emergenza immigrazione epocale, i ministri di questo governo litigano. Il ministro dell’Interno ha fatto un codice per le ong per chiedere di rispettare le regole nel Mediterraneo altrimenti non avrebbero potuto utilizzare i nostri porti e nessuno glielo ha firmato. Il ministro dei Trasporti dice, invece, che i porti devo rimanere aperti”. Questo il commento di Luigi di Maio, postato sulla pagina Facebook, riguardo la frattura non ancora ricomposta tra Marco Minniti e Graziano Delrio sul codice di condotta delle Ong.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, Alfano: “Non è una partita da serie B. Ora diventi una priorità e l’Onu assuma leadership”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Stefano Esposito e lo ‘sterminismo’ della politica nostrana

next