Paolo Nespoli ha pubblicato la prima foto che ha scattato alla Terra dalla Cupola, la grande finestra della Stazione Spaziale, ed è entrato nel modulo gonfiabile, possibile futura casa degli esploratori di Luna e Marte. ”Ammirando le montagne che spuntano attraverso i pannelli solari della nostra #StazioneSpaziale #VITAmission” ha scritto l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), nel tweet che accompagna la prima fotografia della Terra inviata da quando è in orbita.

Come aveva annunciato dopo l’arrivo, Nespoli, ha subito cominciato a “portare tutti nello spazio” con i social e in un altro tweet ha pubblicato la foto che lo mostra all’interno del modulo abitativo espandibile Beam (Bigelow Expandable Activity Module), realizzato per la Nasa dall’azienda privata Bigelow Aerospace. La casa gonfiabile è in fase di test come possibile modulo abitabile per le missioni oltre la Stazione Spaziale e la sua missione Vita ha infatti l’obiettivo proprio di preparare il futuro dell’esplorazione umana del Sistema Solare. Intanto con gli altri membri dell’equipaggio da poco arrivato, l’astronauta italiano ha partecipato alle prove di emergenza: ”Anche sulla Stazione Spaziale ci impegniamo al meglio per essere pronti al peggio. La lezione più importante rimane… Niente Panico!” ha scritto nel tweet a corredo della foto che lo ritrae con la maschera di emergenza.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eclissi di luna, il 7 agosto il nostro satellite oscurato dall’ombra della Terra

next
Articolo Successivo

Parkinson, “ballare il tango migliora l’equilibrio e facilita i movimenti”

next