Se oltreoceano si attende con impazienza la spettacolare eclissi totale di sole del 21 agosto, da questa parte del pianeta dovremo accontentarci di un eclissi parziale di luna per il 7 agosto e sarà anche l’ultima che potremo vedere dall’Italia. Perché per ammirare la prossima bisognerà attendere un anno intero, fino al 27 luglio del 2018, quando avremo una eclissi totale di luna.


Fino ad allora quella del 7 agosto è anche la migliore eclissi che possiamo vedere, spiega l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope: “La vedremo sorgere piena e bellissima con il suo disco già intaccato da un morso di ombra della Terra, perché il fenomeno sarà già in corso. Sarà quindi molto suggestiva”.

L’eclissi si potrà osservare al sorgere del nostro satellite, quindi alle 20.12 pochi minuti prima della fase massima della parzialità prevista alle 20:20. Il Virtual Telescope la seguirà in diretta a partire dalle 20:50. “È uno di quei fenomeni – aggiunge Masi – che si presta all’osservazione ad occhio nudo o con un binocolo, non occorre necessariamente una strumentazione. E si presta molto bene anche ad essere fotografato”. Quanto alla grande eclissi totale di sole attesa il 21 agosto, il fenomeno sarà visibile nella totalità esclusivamente dal territorio degli Stati Uniti continentali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antimateria, la caccia al Cern continua: ottenuta la prima impronta digitale in HD

prev
Articolo Successivo

Paolo Nespoli, prima foto della Terra dalla Cupola della Stazione Spaziale

next