Tra malattie, congedo biennale per assistenza a familiare e aspettativa per motivi personali, aveva totalizzato in tutto oltre 1.500 giorni di assenza dall’Istituto Superiore di Codogno e dell’Istituto Merli-Villa Igea di Lodi, da cui era stato assunto come docente. In realtà, A.M., 55 anni, esercitava da avvocato in Calabria, a Vibo Valentia, dove era nato. La Guardia di Finanza di Lodi lo ha arrestato nei giorni scorsi, dopo un periodo di indagini.

Dal settembre 2011 al febbraio 2017, aveva totalizzato oltre 1500 giornate di assenza, coincidenti con gli interi periodi di lezione dell’anno scolastico. In questi cinque anni, il docente aveva partecipato a circa 250 udienze presso il Tribunale di Vibo Valentia, a 123 udienze presso il Giudice di Pace dello stesso luogo e a tre udienze al Tar di Catanzaro.

La scusa ‘medica’ dei periodi malattia era una diagnosi di ‘lombosciatalgia acuta’, patologia che dovrebbe esaurirsi in una finestra temporale di circa un mese, al massimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coro del duomo di Ratisbona, report denuncia violenza sui bambini e pedofilia: “In 547 abusati da preti e insegnanti”

next
Articolo Successivo

Puglia, tentano di salvare una bambina in mare: muoiono il padre e un dipendente del lido a Ostuni

next