Genny ‘a carogna, soprannome di Gennaro De Tommaso, è stato arrestato con l’accusa di essere a capo di un gruppo di trafficanti di droga. È quanto emerso dall’indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e condotta dai carabinieri partenopei che ha portato all’arresto di 16 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di ingenti quantitativi di stupefacenti.

De Tommaso era diventato famoso quando, da capo ultrà, aveva “mediato” con i responsabili dell’ordine pubblico per stemperare il clima di tensione durante la finale di Coppa Italia 2014 tra Fiorentina e Napoli allo stadio Olimpico di Romadopo il ferimento del tifoso napoleatno Ciro Esposito, morto successivamente in ospedale. Già ai domiciliari, sempre per reati di droga, per lui ora è scattato il carcere.

Nel corso delle indagini i militari dell’Arma hanno documentato collegamenti tra fornitori di droga olandesi e il gruppo criminale di Forcella capeggiato da Genny ‘a carogna. Il gruppo avrebbe organizzato l’importazione e il trasporto in Italia su autoarticolati di ingenti quantitativi di marijuana e gestito i rapporti con i capi e gestori di numerose piazze di spaccio nel territorio napoletano e nazionale. Sono stati cristallizzati, in continuità con l’operazione che a gennaio portò a circa 100 arresti, stabili contatti tra acquirenti di marijuana dei De Tommaso ed esponenti dello spaccio al dettaglio del Rione Traiano.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ratzinger, il necrologio per Meisner sembra un attacco a Papa Francesco

next
Articolo Successivo

Margherita di Savoia, la tromba d’aria sconvolge la spiaggia: turisti in fuga e ombrelloni spazzati dal vento

next