“Quando mi sono alzato verso le sette avevo un pensiero fisso: senza dir niente a nessuno, sono entrato dentro il casale e sono salito sul tetto. Ho tanti animali io, i polli, i tacchini, i maiali, le caprette, le pecore e ci sono 250 orti, chiusi dai sigilli, che nessuno può innaffiare. La preoccupazione mia sono gli animali e sti orti che vanno in malora”. Queste le parole di Omero Lauri, uno dei fondatori del Ram – Resistenza abitativa metropolitana – nel giorno in cui ha dato vita alla protesta sul tetto della cascina di Torre Maura che da anni occupa con il suo movimento portando avanti un progetto di orti urbani popolari ed è rimasto lì, per nove ore, sotto il sole, per opporsi ai sigilli posti dalla polizia per occupazione abusiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, a Bari sbarcati in 644: molti i neonati. A Corigliano 923 arrivi. Sindaco: “Non sappiamo dove ospitare i minori”

next
Articolo Successivo

Medjugorje, fermati pellegrini italiani over 60: viaggiavano su un pulmino rubato

next