Una gita che doveva essere un pellegrinaggio e che invece, al ritorno, si è trasformata in un fermo di 15 ore in caserma. Otto fedeli – tutti residenti a Fagarè, frazione di San Biagio di Callalta in provincia di Treviso – sono stati arrestati dalla polizia croata di ritorno da Medjugorje, in Bosnia.

Erano partiti come ogni anno per andare al santuario e avevano noleggiato un pulmino da nove posti per l’occasione. Ma una volta arrivati alla dogana tra Bosnia e Croazia, scrive Il Gazzettino, sono stati fermati per un controllo. E lì gli agenti hanno riscontrato dei problemi nei documenti del veicolo. A quel punto hanno ritirato le carte d’identità degli otto passeggeri, che hanno dovuto seguire per 30 chilometri sulle colline croate l’auto di pattuglia per arrivare in caserma. E sono rimasti in stato di fermo per 15 ore, in attesa che le autorità italiane e quelle croate chiarissero quale fosse il problema, poi risolto.

Il veicolo infatti era stato “rubato al noleggiatore italiano e finito in Montenegro nel 2015″, scrive ancora il giornale veneto, e in seguito era stato “intercettato dall’Interpol e restituito con la raccomandazione di cambiare il numero di telaio visto che nell’ex-Jugoslavia era stato reimmatricolato. Ma il proprietario se n’è dimenticato: da qui – conclude Il Gazzettino – l’allarme alla frontiera e la disavventura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, sigilli agli orti popolari di Torre Maura che piacciono a Papa Francesco: “Perché ci mandano via?”

next
Articolo Successivo

Terremoto, in Emilia i volontari che indagano sulle truffe per la ricostruzione: “Ruderi di campagna trasformati in ville”

next