I sindaci di capoluogo e i presidenti di centrosinistra delle Province lombarde hanno presentato a Varese il loro comitato per il Sì al referendum per l’autonomia del 22 ottobre. I primi cittadini di Milano, Giuseppe Sala, e di Bergamo, Giorgio Gori, hanno parlato di una “operazione verità” rispetto alla consultazione indetta dal governatore leghista Roberto Maroni, sostenuto dal centrodestra e dal M5S. Aggiungendo che si tratta di “un Sì diverso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Matteo Renzi a Radio Capital: “D’Alema chi?”. Tre anni dopo Stefano Fassina, lo sberleffo colpisce l’eterno nemico

prev
Articolo Successivo

Apologia del comunismo? Ho provato a prendere sul serio Brunetta

next