La regina Elisabetta ha scelto: sarà Nana Kofi Twumasi-Ankrah il suo prossimo scudiero. Il primo di colore della storia. Si tratta di una delle posizioni più importanti nella famiglia reale britannica.

Twumasi-Ankrah, 38enne di origini ghanesi, è ufficiale della Cavalleria e veterano di guerra in Afghanistan. Si è fatto notare per aver ricoperto l’incarico di scorta di William e Kate alle loro nozze del 2011 ed ha comandato la parata per il compleanno della Regina. Con il nuovo incarico di scudiero dovrebbe trascorrere più tempo al fianco della sovrana e del marito, il principe Filippo.

Secondo il Daily Mail, dal momento che lo stesso Filippo ha annunciato che ridurrà i suoi impegni pubblici, il nuovo scudiero dovrebbe diventare la figura più visibile accanto a Elisabetta.
Twumasi-Ankrah è stato scelto personalmente da Elisabetta, e assumerà il ruolo prima della fine dell’anno.

L’uomo è sposato, ha due figlie e abita a Londra. Si era appassionato alle guardie a cavallo dei Windsor guardando le cerimonie in televisione da piccolo. “Non avrei mai immaginato che un giorno avrei comandato il reggimento di cui mi ero innamorato”, ha detto allontanando le accuse di razzismo che ogni tanto hanno coinvolto i Windsor. L’ufficiale ha poi aggiunto: “Da ciò che ho visto nel Regno Unito, le nostre culture si mescolano e se io non sono un buon esempio di questo, non so cos’altro potrebbe essere”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mosul, il premier iracheno: “Liberata dallo Stato Islamico dopo tre anni”

next
Articolo Successivo

Pamplona, incornato e calpestato dai tori in corsa alla festa di San Firmino. Grave americano di 22 anni

next