Ford non poteva che scegliere la data del 4 luglio, Giorno dell’Indipendenza americana, per presentare la sua nuova creatura dal gusto squisitamente patriottico: si tratta di un esemplare unico della celebre F-150 Raptor – versione “sportiva” del pick-up di maggior successo negli USA – che verrà battuto all’asta il 27 luglio. Il ricavato della vendita sarà devoluto in beneficienza al programma giovanile per l’aviazione della Experimental Aircraft Association (EAA).

La one-off in questione è ispirata a un altro simbolo della potenza militare americana, il cacciabombardiere Lockheed Martin F-22 Raptor, attualmente il più avanzato al mondo. Manca solo un carico di hot-dog nel cassone posteriore del mezzo per esaltare al massimo un quadretto che sublima due simboli della potenza americana: l’industria automobilistica – quella tradizionale, che se ne frega del problema ambientale – e quella bellica. Una dimostrazione di “americanità” che farà certamente godere i mandriani del Texas ma anche Mr. President, Donald Trump.

Questo speciale F-150 Raptor non è yankee solo nella carrozzeria (la livrea è firmata da Melvin Betancourt, manager del design Ford) ma anche sotto al cofano: il suo motore 3.5 V6 sovralimentato con doppio turbo è stato dotato di un nuovo intercooler ed eroga ora ben 545 Cv di potenza, quasi 100 in più rispetto al modello di derivazione, alla faccia degli ambientalisti dell’Orange County.

Il “trucco e parrucco” dell’auto include anche un nuovo assetto e un inedito impianto frenante, cerchi in lega ad hoc, decalcomanie evocative sulla fiancata e un impianto di illuminazione semi-aeroportuale montato sul tetto, ideale per andare a caccia di quei clandestini messicani che cercano di varcare illegalmente il confine statunitense di notte. Si scherza ovviamente: rinfoderate la spada bacchettoni di turno. E date un’occhiata al video qua sotto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Panamera Sport Turismo, la Porsche che non c’era – FOTO

next
Articolo Successivo

Audi A8, guida (quasi) autonoma e intelligenza artificiale. Prove di futuro – FOTO

next