Donnarumma-Milan, l’accordo c’è. Secondo quanto riportano Sky Sport e la Gazzetta dello Sport, in attesa delle conferme ufficiali, il portiere classe 1999 è pronto a firmare il rinnovo con la società rossonera a cui resterà legato, salvo modifiche dell’ultimo momento, per i prossimi 5 anni a 6 milioni a stagione, uno in più rispetto alla precedente offerta. Nel contratto saranno presenti anche delle clausole di risoluzione: 100 milioni il valore se il Milan raggiungerà la qualificazione alla Champions League, 50 milioni, invece, se la società rossonera non arriverà tra le prime quattro squadre nella prossima stagione. Ma c’è di più. L’accordo prevede anche che il fratello Antonio, portiere classe 1990 nell’ultimo anno all’Asteras Tripolis, faccia parte della prima squadra; guadagnerà 1 milione di euro a stagione.

Una telenovela quella tra il pupillo di Mino Raiola e il club rossonero che ha infiammato il calcio mercato per numerose settimane e che ha attirato l’attenzione delle maggiori società europee – Juventus e Real Madrid in primis – disposte a tutto pur di accaparrarsi il giovane talento campano. Come dimostra la maxi offerta del Paris Saint-Germain, che ha messo sul piatto 13 milioni di euro più 1 di bonus a stagione (oltre a vari benefit tra ville e macchine). Ma Gigio ha detto no, preferendo aspettare la contro proposta del club che lo ha lanciato nel panorama del calcio mondiale. E adesso lo aspetta il compito più arduo, quello di riconquistare il cuore dei tifosi rossoneri che hanno mal digerito quanto successo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Serie C, 26 società fallite in cinque anni: Latina e Como le ultime, ma il numero rischia di aumentare prima di agosto

prev
Articolo Successivo

Donnarumma tiene famiglia: fa assumere il fratello come terzo portiere del Milan. E al posto della maturità sceglie Ibiza

next