Carissimi lettori,

oggi vi parlo di Alessandra Incoronato che vive a Santa Marinella (Roma).

Alessandra è affetta da amiotrofia spinale di tipo 2, disabile al 100%. Lei e il marito Giovanni vivono con 280€ di pensione d’invalidità più 490€ di accompagnatoria con un mutuo da pagare di 500€ al mese che verrà estinto nel 2034.

Alessandra non può essere lasciata sola ma l’assistenza le è stata ridotta progressivamente da 8 a 2 ore così il marito non può andare a lavorare.

Alessandra ha rischiato più volte il distaccamento delle utenze che attraverso mie molteplici richieste, attraverso molteplici appelli e non solo, siamo riusciti a scongiurare dal 2009. Da febbraio Giovanni e Alessandra hanno fatto richiesta di un contributo che purtroppo per difficoltà burocratiche non è ancora stato erogato.

Oggi Alessandra mi ha chiamato in lacrime dicendomi che in casa avevano solo delle nocciole da Natale. Oltre alle utenze, Alessandra non si può comprare le medicine che le permettono di evitare un blocco intestinale.

Per favore se potete cercate di versare un contributo affinché Alessandra e Giovanni non muoiano di fame.

Sul suo conto corrente:
IBAN: IT50 W030 69394111 0000 0000 404
Alessandra Incoronato e Giovanni Edoardo Rame

CASSA DI RISPARMIO DI CIVITAVECCHIA
Poste pay:  4023600929922278 Intestata a Giovanni Edoardo Rame
Pay Pal: alessandraincorame@hotmail.it

(se vi viene richiesto C.F. Rame Giovanni Edoardo: RMAGNN70A19L607N)

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbo leucemico morto di morbillo, tutti contro i genitori. Ma il fanatismo no vax non c’entra

next
Articolo Successivo

Facebook e aggregazione, anche la community della strada è social

next