Un accordo storico per portare le Olimpiadi direttamente sui cellulari. È quanto prevede il matrimonio tra Tim e Discovery, che ha comprato i diritti televisivi di PyeongChang 2018 e Tokyo 2020. I clienti di telefonia mobile – per la prima volta al mondo – avranno quindi un accesso privilegiato che permetterà loro di vedere i Giochi sul proprio smartphone. Tim, infatti, trasmetterà in qualità di “official mobile broadcaster‘ su un canale dedicato news, highlights e sintesi di tutte le gare permettendo così agli appassionati di seguire le gare in qualsiasi posto si trovino.

“La partnership con la più grande compagnia di telefonia in Italia contribuirà a offrire la migliore esperienza di visione dei Giochi Olimpici a milioni di utenti. Questo primo accordo mondiale rappresenta una vittoria soprattutto per i fan che vogliono fruire di contenuti esclusivi dei Giochi ovunque e quando lo desiderano”, ha dichiarato Jean-Briac Perrette, presidente e Ceo di Discovery Networks International che ha acquisito i diritti per la trasmissione delle due Olimpiadi e in Italia trasmetterà attraverso il canale Eurosport.

E l’accordo, tra l’altro, non si limita ai Giochi invernali in Corea del Sud e a quelli estivi in Giappone. Per il primo anno, infatti, verranno trasmessi su mobile tutti gli eventi di Eurosport Player che detiene diritti anche del Roland Garros, dei mondiali di nuoto e atletica, dell’EuroCup di basket e di Tour de France e Giro d’Italia.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Popolari venete, via libera al decreto sul salvataggio. Padoan: “Mobilitate risorse fino a 17 miliardi”

next
Articolo Successivo

Popolari venete, analisti: “Affare per Intesa. Fino a 390 milioni di utili in più”. Per Bankitalia “lo Stato non perde nulla”

next