“Qui ci sono problemi seri. Problemi sociali. Qui si parla di tutto tranne che di questa indagine Istat che dice che ci sono 12 milioni di italiani che han difficoltà d’accesso alle cure. Primo punto visite specialistiche, secondo punto i farmaci. Cosa si fa nelle liberalizzazioni per abbassare i prezzi dei farmaci? Cioè non si può far finta di nulla: sia chiaro noi la fiducia la daremo però sui singoli provvedimenti non staremo zitti”. Pier Luigi Bersani delinea quella che sarà l’attività all’interno della maggioranza che sostiene il governo Gentiloni da parte di Articolo 1 – Movimento Democratici e Progressisti. “Gentiloni deve arrivare a fine legislatura dando due o tre ‘drizzoni’: se ora si pensa di mettere la fiducia sulla Dl Concorrenza, ci sono dei problemi: io ho di grossi problemi su una cosa così”. E se Bersani non chiede ‘verifiche di maggioranza’ come chieste invece dai senatori più vicini a Renzi, dopo le accuse di Mdp a Luca Lotti sul ‘caso Consip‘, bollati da Bersani come riti “da anni settanta-ottanta – ma poi osserva che – se proprio si facesse questa verifica, hai visto mai che per una volta c’invitano? Perché c’imputano di non essere fedeli alla maggioranza, ma noi non siamo mai stati interpellati su nulla. Sfido a dimostrare il contrario. Non hanno mai chiesto la nostra opinione sui voucher, sulla politica economica. Adesso arrivano le norme sulle liberalizzazioni, per così dire liberalizzazioni – sottolinea Bersani – pensate che abbiano chiesto qualcosa ad Mdp o a Bersani? Non funziona così. C’è bisogno di un cambio di metodo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, Appendino: “Gli scontri? Non si devono più ripetere. Intollerabile resistere ai controlli. Ritrovare senso civico”

prev
Articolo Successivo

Roma, Travaglio: “Raggi? Un sindaco a 5 Stelle sotto processo danneggerebbe il M5s. Ma non si tratta di reato infamante”

next