Li chiamiamo biopic, ma sono film biografici che spesso ritraggono anche un’epoca. Storie vere, insomma. All’altro capo del mondo c’è il film d’arte. Pura intuizione estetica legata al sentire, con trame rarefatte, a volte impalpabili o estreme. In quell’infinita terra di mezzo, un’autorialità a tutto campo. Quali confini tra cinema verità, quello che narra lucidamente l’oggi e il passato, e quelli che guardano a storie poetiche o fantastiche ancor prima del film d’arte? E con quanta poesia si può raccontare una storia biografica? L’invito sembrerà un gioco di parole, ma facciamo due passi dalle parti di tre autori in tre titoli.

Pablo Larraín, Ken Loach e Jim Jarmusch: il cinema d’autore tra storia, prosa e poesia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel weekend del 17 e 18 giugno

prev
Articolo Successivo

Lovers Film Festival Torino, i vincitori – La direttrice: “Mandare all’aria i confini con gioia e gayezza”

next