“Qualsiasi cosa tu devi fare io te la posso garantire”. A Longobucco, nel cosentino, un voto vale 25 euro, il prezzo del blocchetto dei buoni per la mensa scolastica del figlio di una ragazza madre che ha presentato un esposto alla Procura di Castrovillari accusando di voto di scambio Mario Federico, il fratello di Davide Federico, assessore uscente e uno dei candidati a consigliere nella lista del Pd-Socialisti uniti a sostegno del candidato a sindaco Giovanni Pirillo

Assieme alla denuncia, la ragazza madre ha consegnato anche un cd con la registrazione di una conversazione dove si sente l’uomo che offre contributi in cambio del suo voto e di quello della madre. “Se noi aiutiamo mio fratello – dice – il problema del servizio mensa lo risolviamo. Parlo con il titolare del servizio e ti faccio risparmiare 25 euro al mese. Ma qui lo dico e qui lo nego. Sul contributo (previsto per le ragazze madri), il 100% non te lo dico, però ti dico che ci impegniamo per fartelo avere”. 

“Stiamo tranquilli? – aggiunge – Io vi do la scheda. Allora io voglio che il voto di Davide esce proprio specifico. Il tuo e quello di tua mamma. L’impegno che devi prendere con tua mamma è scrivere ‘Federico D.’”. Una tecnica, questa, per “segnare” il voto e avere la certezza che l’elettore mantenga realmente l’impegno di votare il candidato che poi dovrà “ricompensarlo”.

Il caso della ragazza madre, di 35 anni e in grosse difficoltà economiche, era scoppiato già in campagna elettorale quando Giuseppe Romano, candidato della lista “ Arcobaleno” (che poi ha perso le elezioni), aveva denunciato l’episodio durante un comizio: “Vogliono trasformare il Comune in una società privata – aveva affermato -. Come si può chiedere il voto segnato a una persona bisognosa?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni Palermo, il Truman show di La Vardera: candidato per fare un film con le Iene. “Rendiamo la politica trasparente”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Parma, di ballottaggio e di promesse (da mantenere)

next