Un contuso, un espulso (poi ‘graziato’), urla e spintoni in aula. A palazzo Madama la Lega nord si schiera contro, anche fisicamente, all’incardinamento del ddl sulla cittadinanza contenente lo ius soli. Il presidente del gruppo Gian Marco Centinaio finisce a chiedere alla buvette una busta con cubetti di ghiaccio da mettere sulla mano sinistra per essersi ‘aggrappato’ ai banchi del governo, resistendo alla presa degli assistenti parlamentari. Con lui, anche i senatori Crosio, Tosato e Consiglio si erano spinti fino alle poltrone dell’esecutivo, ma è stato il capogruppo a farne le spese maggiori, anche se sdrammatizza, piegato sul bancone: “In sette son venuti a prendermi…”. In precedenza, il senatore Raffaele Volpi, vedendo che il presidente Grasso aveva dato la parola al relatore Salvatore Torrisi, anziché a Roberto Calderoli, aveva indirizzato un paio di ‘vaffa‘ alla presidenza. Grasso lo ha richiamato e pronunciato la formula dell”espulsione‘, salvo poi ‘graziarlo’ (il senatore, inizialmente, nonostante l’espulsione si era rifiutato di uscire così da provocare la sospensione dei lavori). Nel frattempo, i leghisti esponevano cartelli con le scritte: “No ius soli“, “Prima gli italiani“, “Stop immigrazione“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio della Roma, il voto divide il M5s: dopo la sospensione di una consigliera, anche Guerrini rischia il procedimento

next
Articolo Successivo

Ius soli, la Caritas: “Non è chiaro perché M5s si asterrà”. Fico: “Va fatta una cosa seria, ordinata e con la Ue”

next