Il 2017 è sicuramente un brutto anno per l’immagine della compagnia ‘United Airlines‘. E dopo il caso del passeggero trascinato di peso fuori da un aereo per via di un overbooking, eccone spuntare un altro altrettanto imbarazzante. Questa volta, a pagarne le spese, è stato un uomo di 71 anni di nome Ronald Tiger, colpevole di aver chiesto ad un impiegato della compagnia americana di stampargli nuovamente la carta d’imbarco. L’uomo ha risposto alla richiesta dell’anziano con uno spintone, facendolo cadere a terra dove è rimasto fino all’arrivo dei soccorsi. L’incidente è avvenuto in Texas all’interno dell’aeroporto intercontinentale George Bush. Ora la vittima ha chiesto un risarcimento di un milione di dollari. L’impiegato, nel frattempo, è stato licenziato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Despacito, anche Justin Bieber “vittima” del tormentone: si rifiuta di cantarlo sul palco e il pubblico non la prende bene

next
Articolo Successivo

New York, che ci fanno Jimmy Fallon e Miley Cirus in metropolitana? La performance in incognito è un successo

next