Un gruppo di ragazzi arrivati in Romagna per festeggiare la Notte Rosa. “Allora, programmi? Dove andiamo?” chiede loro il giornalista. “Opera, Cocoricò, e poi Baia imperiale” risponde entusiasta uno di loro, incalzato dai compagni. Un gruppo di amici come tanti, confuso tra migliaia di persone a Riccione per il cosiddetto “capodanno dell’estate”.  In mezzo a loro però c’è anche Youssef Zaghba, il 22enne italo marocchino tra i protagonisti dell’ultimo attentato del London Bridge. Il video è stato girato il 4 luglio del 2014, dalla troupe della testata locale YouRimini. Tre anni dopo quello stesso ragazzo, che nelle immagini appare sorridente e felice con gli occhiali da sole in testa e i capelli tirati dietro la nuca, sarebbe entrato a fare parte del commando, che ha provocato 8 morti e oltre cinquanta feriti.

Nel video, pubblicato dal tabloid inglese Sun, si vede il giornalista proseguire l’intervista chiedendo ai ragazzi la loro provenienza.”Da dove venite?”. “Da Bologna” urlano tutti assieme. Nato a Fez nel 1995, il padre del giovane è marocchino ma la madre è italiana e vive nei pressi del Bologna, a Castello di Serravalle con l’altra figlia. Youssef  era stato fermato nel 2016 all’aeroporto Marconi di Bologna, mentre tentava di imbarcarsi si un volo diretto in Turchia, probabilmente per poi dirigersi in Siria.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, avviata un’indagine al San Paolo per il caso delle formiche in ospedale. Il ministero della Salute avvia controlli

prev
Articolo Successivo

Furti di piccole auto, 17 arresti tra Roma e Napoli: ecco la centrale di ricettazione

next