“Gülenista”. L’etichetta ora ce l’ha anche Taner Kiliç, presidente di Amnesty International Turchia, arrestato all’alba di ieri, 6 giugno, a Smirne insieme ad altri 22 avvocati. L’accusa, per tutti, è per l’appunto di aver avuto legami col movimento guidato da Fethullah Gülen, sospettato di aver ideato il fallito colpo di Stato del luglio 2016.

Taner Kiliç ha fatto parte del direttivo di Amnesty International Turchia per vari periodi di tempo a partire dal 2002 ed è stato eletto presidente nel 2014. Nel corso di decenni di attività professionale e nell’ambito delle organizzazioni non governative turche, si è sempre fatto riconoscere per l’incessante impegno in favore dei diritti umani.

Al momento, non è chiaro quale fatto specifico sia addebitato ai 23 avvocati. Il mandato d’arresto fa riferimento a un’indagine su presunti membri della cosiddetta “Organizzazione terroristica di Fethullah Gülen”, che peraltro Kiliç ha più volte pubblicamente criticato. Di sicuro, questi arresti dimostrano quanto la purga successiva al tentato colpo di Stato stia colpendo sempre più a fondo nella società turca.

Nelle prossime ore forse sapremo qualcosa sul destino che attende Taner Kiliç e gli altri 22 suoi colleghi. La legge turca prevede un massimo di 14 giorni per chiudere le indagini preliminari e disporre l’incriminazione o il rilascio di una persona arrestata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Justin Trudeau, le insospettabili politiche sul clima di quel bel faccino canadese

next
Articolo Successivo

Dinamite, ignoranza e fucile: la miscela esplosiva che fa (quasi) perdere la testa agli spacconi

next