Gaffe social per Raffaella Paita, capogruppo Pd nel Consiglio regionale della Liguria. Nel tentativo di contattare tramite Whatsapp il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, ha erroneamente inoltrato il messaggio – con un chiaro contenuto politico – a un altro Poletti, Giampaolo, medico di famiglia nonché amico dell’assessore regionale all’Ambiente del centrodestra Giacomo Giampedrone. Ed è proprio quest’ultimo – insieme al presidente della Regione Giovanni Toti – a postare sulla propria pagina Facebook il messaggio, cogliendo l’occasione per girare il coltello nella piaga.

“Ciao Ministro, sono Raffaella Paita (capogruppo Pd in Regione Liguria)”  – l’incipit del messaggio, che poi prosegue – “Ci sono i lavoratori di Ericsson in Consiglio, vorrebbero un incontro con te sul tema della cassa integrazione. Anche in vista delle elezioni sarebbe importante concederlo. Posso dire che li vedrai?”. “Bisogna stare attenti a chi si inviano i messaggi, cara Paita!’ –  il commento di Giampedrone – Vi rendete conto del livello di bassezza del PD in Liguria? Ahi ahi cara Paita i lavoratori vanno tutelati sempre non ‘anche in vista delle elezioni'”.

I lavoratori della Ericsson, proprio martedì, sono scesi in piazza a Genova per protestare contro le procedure di licenziamento collettivo avviate dalla sede genovese dell’azienda. I dipendenti della multinazionale, dopo un corteo in pieno centro, si sono spostati davanti alla sede del Consiglio regionale ligure per incontrare i capigruppo e il presidente della Regione. Ed è proprio in questa circostanza che la Paita avrebbe contattato il Poletti sbagliato.

“Se mi devo giustificare per aver mandato un messaggio in sostegno ai lavoratori, non ci penso proprio. Confermo che farò di tutto, in periodo elettorale e in periodo non elettorale per aiutare i lavoratori – replica la Paita – “Cosa ho fatto di male? Ho solo sbagliato il mittente”. “Sono rappresentante della minoranza – continua la capogruppo Pd in Liguria – ma membro del partito che è al governo nazionale. Mi sono immediatamente attivata in aiuto dei lavoratori, senza aspettare che intervenisse il presidente della Regione. Siccome c’era un evidente tentativo di strumentalizzazione anche elettorale, penso che sia nostro dovere in qualsiasi momento anche elettorale, dare una riposta a questi lavoratori”. E attacca il centrodestra: “Si vergognino quelli che scrivono ‘bestie agli immigrati– riferendosi al commento a sfondo razzista comparso sulla pagina Facebook di Giovanni Toti- sono fiera di aver mandato un messaggio a sostegno dei lavoratori”.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, parte la discussione alla Camera. E l’Aula è vuota. Fiano: “La migliore possibile”. I critici: “Porcellum bis”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Alfano disposto a tutto pur di sopravvivere: “Primarie, parlamentarie e confronto con Verdini”

next