“Il 64 per cento di nominati in Parlamento? Non è così, perché a voi piace chiamarli così, ma questo è il modello tedesco” che le preferenze “non le prevede”. Lo dice il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio a margine di un convegno al Senato, parlando con i cronisti del sistema tedesco, modello che non contempla le preferenze, uno dei capisaldi dei 5 stelle sempre chieste a gran voce fin dal primo “V Day”.  “Noi non archiviamo le preferenze – ha assicurato – le portiamo in Aula e poi vediamo chi le vota”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, M5s inciucia con Renzi e tradisce il voto della rete

next
Articolo Successivo

Urbino, Sgarbi perde la testa in consiglio comunale. Urla e insulti senza freni in aula: “Imbecilli, siete solo quattro str…”

next