“Il 64 per cento di nominati in Parlamento? Non è così, perché a voi piace chiamarli così, ma questo è il modello tedesco” che le preferenze “non le prevede”. Lo dice il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio a margine di un convegno al Senato, parlando con i cronisti del sistema tedesco, modello che non contempla le preferenze, uno dei capisaldi dei 5 stelle sempre chieste a gran voce fin dal primo “V Day”.  “Noi non archiviamo le preferenze – ha assicurato – le portiamo in Aula e poi vediamo chi le vota”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Legge elettorale, M5s inciucia con Renzi e tradisce il voto della rete

next
Articolo Successivo

Urbino, Sgarbi perde la testa in consiglio comunale. Urla e insulti senza freni in aula: “Imbecilli, siete solo quattro str…”

next