Le minacce di morte pronunciate da Totò Riina in carcere, mentre parlava con Alberto Lorusso, presunto boss della Sacra Corona Unita, non spaventano il presidente di Libera don Luigi Ciotti. “Non ho paura. Il nostro impegno, quello di Libera, non si ferma ma va avanti”, ha affermato lo stesso don Ciotti al termine dell’udienza davanti al gip Anna Magelli. Don Ciotti, assistito dall’avvocato Enza Rando, si è opposto all’archiviazione del fascicolo che era stata chiesta dalla Procura di Milano. All’esterno del tribunale una delegazione di coordinamenti e presidi di Libera provenienti da varie parti d’Italia ha voluto testimoniare la vicinanza a don Ciotti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, chiesta archiviazione per le minacce di Riina a don Ciotti. Libera: “Erano messaggi fuori dal carcere”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta e dintorni, i mafiosi sono esecutori di un disegno più grande

next