Porta con sé la famiglia all’Olimpico, fa il giro di campo in versione papà, con in braccio la piccola e per mano gli altri due. Mette la moglie al centro di tutto, la cita più volte, e per raccontare di sé parla anche di lei. Ci tiene a dire che con lei ha scritto quella lettera, raccontandole quello che sono stati i suoi 25 anni con la maglia numero 10.

Venticinque anni che insieme hanno tradotto in parole, anche perché, si sa, il Capitano gioca meglio di come parla, ma il bello è proprio questo. Ammette di aver pianto tanto, tutte le sere, senza timore di sembrare per questo meno “gladiatore”.

E poi quei gesti, verso la piccola di casa, così semplici ma così importanti. Quel toglierle e rimetterle il ciuccio, quel prenderla in braccio proprio come piace a lei, con la confidenza che solo un padre presente può avere.

E’ un’immagine bella quella che ieri sera ci ha regalato Francesco Totti, un’immagine di Papà-Campione niente affatto scontata in un paese dove il maschio non può piangere e la cura della famiglia è sempre e comunque appannaggio delle madri. Un’immagine che resterà, quella di papà Totti e che farà bene anche all’immaginario collettivo di un paese molto patriarcale e poco paterno.

Evviva i papà, evviva il Capitano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Totti e l’addio, da Capitano a uomo pronto a diventare leggenda

next
Articolo Successivo

A fine carriera

next