Gianni Di Rocco è nato in provincia di Teramo 47 anni fa. Dopo la perdita di entrambi i genitori, nel 1994 inizia a girare l’Europa in cerca di lavoro, riuscendo a mettere da parte qualcosa e tornare in Italia. Risucchiato dal vortice del gioco d’azzardo compulsivo, Gianni perde tutto quello che aveva messo da parte e la fiducia in se stesso necessaria a ricostruirsi una vita ‘regolare’. Inizia a vivere in strada tra Milano e Genova, e 12 anni fa si stabilisce a Rapallo, dove dorme vicino alla stazione e vive d’espedienti. La scorsa settimana ha scoperto di stare per ereditare una cifra straordinaria e diverse proprietà da una vecchia zia abruzzese. Ora Gianni ha deciso di farsi aiutare a gestire questo patrimonio per non farsi travolgere dallo choc “dopo tanti anni costretto a campare con un euro al giorno“. Ci siamo fatti accompagnare da lui in giro per il paese, dove tutti lo conoscono e sperano insieme a lui che riesca a svoltare: “Senza dimenticare chi è rimasto indietro perché i soldi da soli non servono a nulla e questo lo so bene avendo vissuto così tanto tempo in strada”. “Nessuno sceglie questa vita – sottolinea – in strada ci può finire chiunque, poi i problemi si moltiplicano esponenzialmente come in un circolo vizioso e poi rialzarsi posso garantirvi che è molto difficile. Ho visto tanti amici lasciarsi morire, l’importante è non perdere la speranza, perché se uno perde quella e la fiducia in se stessa non c’è una cifra che possa salvare».

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Egitto, ennesimo difensore dei diritti umani di fronte al giudice

next
Articolo Successivo

Gay Pride Reggio Emilia, lo scontro è pure dentro la Chiesa. Ultracattolici: ‘Cardinale Burke sostiene il nostro corteo riparatore’

next