Nell’ultima puntata della telenovela della Casa Bianca, Donald Trump finisce di nuovo nei guai. Prima il Washington Post che parla di rivelazione di informazioni top secret a Mosca, poi il New York Times che sostiene come il presidente abbia voluto insabbiare il Russiagate. E Mosca osserva divertita. Negli Stati Uniti “si sta sviluppando una schizofrenia politica. Non posso spiegare altrimenti” la rivelazione legata a qualche segreto che Trump avrebbe “fornito a Lavrov“, ha detto il presidente russo Vladimir Putin parlando nella conferenza stampa congiunta col premier Paolo Gentiloni al termine del loro incontro a Sochi.

Il riferimento era all’incontro fra il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il tycoon alla Casa Bianca, nel corso del quale Trump avrebbe condiviso informazioni classificate relative allo Stato islamico. Ma il tono scherzoso di Putin nasconde contenuti pesanti. “Se l’amministrazione (americana, ndr) è d’accordo, se è interessata, noi forniremo al Senato la registrazione” dell’incontro fra Lavrov e Trump. “Naturalmente – ha puntualizzato – solo se l’amministrazione americana lo vorrà”. Poi attacca i politici americani che stanno soffiando su sentimenti anti-russi, liquidandoli come “pericolosi” e “stupidi”. “Solo gli americani devono essere chiamati a valutare il lavoro di Trump, ma bisogna prima consentirgli di lavorare normalmente”, ha affermato Putin. Che, però, ha rimbalzato la domanda diretta sull’incontro tra Lavrov e Trump. E ne ha approfittato per un siparietto. Ridendo, guardava il suo capo della diplomazia. E gli ha detto: “Dovrò fargli un appunto per non avermi rivelato le informazioni top secret” di quell’incontro alla Casa Bianca. Tutto mentre Lavrov ricambiava il sorriso.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Usa, arriva Erdogan. Scoppia la rissa davanti alla casa bianca: volano pugni tra curdi e bodyguard

next
Articolo Successivo

Francia, i ministri del governo Philippe: metà sono donne. Dalla Goulard alla Difesa al sindaco di Lione agli Interni

next