“La fedeltà di coppia oggi è la vera trasgressione”: così afferma il maestro dell’eros Tinto Brass. Concordo pienamente, però oggi lo spunto non è la fedeltà, bensì la trasgressione. Mettiamo da parte sex toys originali o immagini erotiche fuori dal comune: l’argomento odierno è la buona educazione. Trovo che essere educati e gentili verso gli altri, oggi sia trasgressivo quanto la fedeltà. E pensare che il garbo ha un grande sex appeal.

Sul dizionario Garzanti, alla voce “garbo”, si legge:
 modo cortese ed educato di comportarsi e di trattare con gli altri; amabilità, cortesia: una persona (piena) di garbo; parlare, agire con garbo, senza garbo;
 modo aggraziato con cui si compie una determinata azione: rispondere, scrivere, dipingere con garbo;
 precisione di forme; linea armoniosa che si dà a un prodotto con un accurato lavoro di modellatura e rifinitura: dare il garbo a un vestito;
 (mar.) curvatura dello scafo ligneo di una nave;
 (region. tosc.) gesto, azione: fece un garbo di assenso |un mal garbo, un atto da villano.

Etimologia: ← forse dall’ar. qālib ‘modello, sagoma’.

Visto che questo è un blog leggero e di evasione, torniamo un po’ nel secolo scorso, ovvero ai tempi di Cioé, Dolly, Il Monello, Duepiù e Lanciostory: in versione Frau Blucher feat. Edwige Fenech ne “L’insegnante viene a casa”, vi esorto a mettere in pratica (qualora non lo facciate già) piccoli suggerimenti per aumentare il vostro sex-appeal.

Nelle pagine che seguono, troverete sette consigli per essere irresistibili (o quantomeno provarci).

Eros e sex-appeal, sette consigli per essere irresistibili (o almeno provarci)

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sesso, il punto G è vivo e lotta insieme a noi. Per trovarlo basta fare ginnastica

prev
Articolo Successivo

Gymder, arriva la app per gli “spornosessuali”

next