Gli scienziati dimostrano spesso più fantasia di chiunque altro. E così sono riusciti a battezzare con il nome di un demone di un film cult come Ghostbuster una nuova specie di dinosauro. E così Zuul-Guardia di Porta, che scatenava mostri infernali su New York City, entra nella storia della paleontologia. A scoprire i resti fossili di Zuul un gruppo di ricercatori del Royal Ontario Museum di Toronto, lo studio è stato riportato su Royal Society Open Science.

Zuul crurivastator, è uno dei dinosauri più completi e meglio conservati mai ritrovati. I suoi resti scoperti nel nord Montana includono frammenti di tessuti molli, il cranio e parti della coda. Zuul è vissuto circa 75 milioni di anni fa, nel Cretaceo. Era un ankylosauro, una specie molto imponente munita di una forte corazza, il cui peso poteva superare le due tonnellate e mezzo. Il suo corpo raggiungeva una lunghezza di circa 6 metri e si reggeva su quattro robuste zampe. Questa specie era anche munita di una robusta coda munita di spuntoni che terminava in struttura ossea di circa 8 cm di spessore simile a una clava che poteva essere usata per spezzare le zampe di altri predatori.

Il suo muso era piuttosto bizzarro: grandi narici, numerose escrescenze, quattro corni sul cranio, un altro dietro la testa e altri ancora sotto ogni occhio. Soprattutto le corna e le escrescenze, spiegano i ricercatori, aiutano ad identificare le diverse specie di ankylosauri e la conformazione di questo scheletro non lasciava dubbi si trattava di una nuova specie, con un muso e un cranio molto somigliante al Zuul del film. Da qui l’idea di chiamare la nuova specie come il demone del film.
Dan Aykroyd, star e co-sceneggiatore di Ghostbusters è apparso in un video pubblicato nel sito del museo accanto al cranio del dinosauro, mostrando una foto di Zuul. “Siamo così onorati che il Royal Ontario Museum abbia chiamato questa magnifica creatura con il nome con cui noi abbiamo chiamato il ‘terrificante canè del film, e questo è Zuul, Z-U-U-L”.

Immagine Danielle Dufault Royal Ontario Museum

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Basta con le teorie di quel matto di Copernico e quel massone di Foucault

prev
Articolo Successivo

Vaccini, lo studio bufala degli antivax ritirato per la seconda volta

next