19 arresti domiciliari, oltre 50 perquisizioni e 75 indagati. L’accusa è quella di aver messo in piedi quello che la Procura di Parma considera un vero e proprio sistema di corruzione nel settore della terapia del dolore. I manager di alcune aziende farmaceutiche, secondo l’inchiesta, pagavano per avere i risultati di sperimentazioni farmaceutiche o di dispositivi biomedicali portate avanti senza il consenso dei pazienti. Potevano organizzare inoltre congressi di aggiornamento medico direttamente, nonostante la legge lo vieti. Perno di questo sistema, secondo i Carabinieri, era Guido Fanelli, primario di anestesia e rianimazione a Parma e luminare proprio nel settore della terapia del dolore. Per mascherare i giri di denaro due società di comodo sarebbero state create ad hoc: una di queste due società era proprietaria di uno yacht la cui manutenzione era di fatto a carico di una delle ditte coinvolte, e il cui fruitore sarebbe stato proprio Fanelli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marta Russo, a vent’anni dalla morte la verità della sorella Tiziana in un libro

prev
Articolo Successivo

Grecia, turista 22enne beve cocktail con metanolo: perde la vista ed è costretta alla dialisi

next