L’arrivo delle belle giornate e dei primi caldi estivi coincide puntualmente con la voglia di moto. Un mezzo che fa rima con libertà, leggerezza, velocità e voglia di fuga. A questo elenco i tecnici della Furion Motorcycles vogliono aggiungere la parola “ambiente”: i nostri cugini transalpini hanno infatti progettato la M1, prima moto ibrida con motore termico rotativo supportato da un’unità elettrica. un progetto che farebbe invidia alla Mazda, rimasta l’unica casa automobilistica a credere ancora in questa tipologia di propulsore ad elevata potenza specifica.

La M1 è una ‘scarenata da corsa’ che ricorda da vicino le affilate street-bike giapponesi, tutte muscoli e nervature: è costruita su un telaio a traliccio con motore portante, che invece sa tanto delle nostrane Ducati. Quest’ultimo, a doppio rotore, ha una cilindrata di 654 cc ed eroga 125 cavalli di potenza massima e 105 Nm di coppia motrice, supportati dall’elettrico da 55 CV e altri 100 Nm (le batterie che lo alimentano sono alloggiate nel codone): numeri chiamati a spingere un peso a secco quantificato in 195 Kg, che consente di limitare il consumo medio a 4 l/100 km.

Oltre che per la meccanica, più unica che rara, la M1 si distingue per le 2 modalità di funzionamento ideate dai suoi progettisti: la prima consente alla moto di massimizzare la percorrenza – stimata in 480 Km – sfruttando pure la guida ad emissioni zero in ambito urbano. La seconda premia le performance facendo lavorare in sinergia le due unità propulsive e liberando la potenza massima di 180 CV e 205 Nm, messi a terra attraverso un lungo forcellone monobraccio.

Per il momento la creazione di Furion Motorcycles rimane solo un concept, ma l’azienda ha aperto una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Leetchi: l’obiettivo è quello di raccogliere i 50 mila euro necessari per la produzione del primo prototipo “in carne e ossa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Auto elettriche, ecco quelle che “donano” energia anziché assorbirla

next
Articolo Successivo

Le biciclette? Un grande affare. Andare a pedali vale sei miliardi di euro

next