“Ci hanno portati al seggio con l’auto del centro di accoglienza, un po’ per volta. Ci hanno detto di andare a votare per la terza persona sulla scheda (Renzi, ndr)”. Lo racconta alle telecamere di Fanpage, un giovane migrante ospite del centro di accoglienza si San Vito di Ercolano, in provincia di Napoli. Nell’intervista il volto del migrante è oscurato per non renderlo identificabile. “Quelli del centro – racconta ancora – ci hanno detto di andare a votare, nessuno di noi sapeva perché. Ci hanno dato i documenti e i due euro. Ha votato una sessantina di noi. Hanno detto che per noi migranti era importante votare. Io l’ho fatto perché ho sperato che mi aiutasse a ottenere il permesso di soggiorno”.  Domenica era stato notato in uno dei seggi di Ercolano per le primarie dem un folto gruppo di extracomunitari in fila, presenza che il sindaco Ciro Buonajuto aveva commentato come “importante segno di integrazione e di partecipazione”, sottolineando come quegli immigrati fossero ben inseriti nel tessuto sociale e civile.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Primarie Pd, il migrante al seggio di Ercolano: “Ci hanno dato due euro e detto di votare Renzi”

prev
Articolo Successivo

Primarie Pd, boom di votanti a Catania: ‘I 2 euro? Me li hanno dati per darli a loro’

next