La Costituzione sancisce che “l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro” (art. 1), che “ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società” (art. 4) e che l’iniziativa economica privata “non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana….” (art. 41).

In altre parole la Costituzione indica che il lavoro è rispetto delle potenzialità e delle scelte individuali, è servizio per la collettività e deve sempre salvaguardare la dignità, la libertà e la salute della persona.

Per essere sano, quindi, il lavoro deve consentirci di realizzare noi stessi sul piano personale e sociale, deve consentirci di esprimere in pienezza, nel rispetto (nostro e altrui) e con serenità i nostri talenti, quanti e quali essi siano.

L’auspicio per chi il lavoro lo sta cercando, lo vive e/o se lo inventa ogni giorno, è quello di non perdere mai di vista la strada indicata dai valori costituzionali.

A tutti i lettori e gli amici del blog Area Pro Labour: Buon Primo Maggio!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Primo maggio, alle donne conviene di più lavorare o smettere?

next
Articolo Successivo

Il Primo Maggio di Ludovica: “25 euro in nero per 10 ore. E poi mi cacciano perché non accetto battute sessiste”

next