Dopo il verdetto netto delle primarie, Andrea Orlando ammette la sconfitta contro Matteo Renzi. Ma prova a rilanciare la prospettiva di un “centrosinistra largo”: “Sono ottimista che la posizione che abbiamo avanzato in campagna elettorale sarà presto la posizione di tutto il partito. Serve un centrosinistra in grado di mettersi nelle migliori condizioni per battere la peggior destra che abbiamo mai conosciuto”, ha spiegato nel corso della conferenza stampa nella quale ha commentato i risultati delle primarie.”Non è il momento di smobilitare”, ha rivendicato. “In 45 giorni abbiamo costruito una rete, siamo a un quarto, un quinto degli elettori del Pd, e non era un risultato scontato”. Certo, ha continuato Orlando, “la giornata delle primarie non basta per cancellare quanto avvenuto il 4 dicembre”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie Pd, lapsus di Renzi sulle elezioni: “Non sappiamo quando voteremo”. Attacchi agli ex e al M5s

prev
Articolo Successivo

Primo maggio, Mattarella: “Il lavoro è la priorità, altrimenti la crisi rischia di contagiare anche le istituzioni”

next