“Mi fa piacere che tanta gente stia venendo a votare, ma la responsabilità e la partecipazione non devono essere solo il giorno delle primarie. Le primarie devono essere un impegno per il dopo”. Lo ha detto l’ex premier Romano Prodi dopo aver votato alle primarie Pd per l’elezione del segretario, nel tardo pomeriggio, al circolo di via Orfeo a Bologna. Prodi, che non ha dichiarato pubblicamente la sua preferenza, ha commentato il calo dei votanti: “Non posso certo parlare io che alle mie primarie ebbi 3,7 milioni di votanti, ma erano altri tempi, ma è per quello che dico che bisogna ritrovare il senso della partecipazione alla politica, di essere corresponsabilizzati. Le primarie sono un serio strumento che deve però riprodursi nella vita quotidiana del partito”. E le alleanze, in particolare l’ipotesi di un accordo con Berlusconi? “Prima bisogna passare attraverso le elezioni, sarà la volontà popolare a decidere chi guiderà il paese”. “Io – ha però premesso – sono stato rottamato e non devo prendere queste decisioni. Vedrà chi ha la responsabilità. Ma prima bisognerà votare e vedere il risultato”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pd, a Gela arrivano i carabinieri. Esposto dei renziani dell’ex ministro Cardinale: “Seggio occulto e abusivo”

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, polemiche al Sud: a Ercolano votano anche i richiedenti asilo. A Nardò seggio chiuso: “Troppi elettori di destra”

next