Vaccinare mio figlio? Assolutamente sì“. Così a Otto e Mezzo (La7) il deputato del M5S, Alessandro Di Battista, risponde alla direttrice di Sky Tg24 Sarah Varetto circa la sua imminente paternità. “Sappiate che da qui fino alle elezioni” – continua – “quando voteremo, visto che in questo Paese non abbiamo la legge elettorale per colpa dei partiti, Renzi ogni giorno tirerà fuori la storia delle sirene, delle scie chimiche e dei 5 Stelle contro vaccini. Io vaccinerò mio figlio, così vediamo se credete ancora a Renzi“. E aggiunge: “Sposare la mia compagna? Ci penseremo. Prima aspettiamo che arrivi il bambino. Sono contentissimo. Spero di essere all’altezza di questo compito. E spero di potergli insegnare i valori in cui credo e che mi sembra di aver portato avanti bene in Parlamento”. Rispetto all’eventualità di future alleanze con altri partiti, Di Battista è tranchant: “Se succedesse, io mi dimetterei dal M5S il giorno stesso. Si tratterebbe di accordi coi partiti complici della distruzione del Paese. Noi del M5S siamo convinti che arriveremo a quel 40% di voti e che la strada della coerenza non è facile in questo Paese. In politica la strada più facile è il compromesso. Noi in Parlamento siamo disposti a trovare una soluzione insieme per avere, ad esempio, una vera legge anticorruzione” – prosegue – “e non la buffonata che hanno fatto con Verdini. Ma cosa è oggi un’alleanza? E’ spartizione di poltrone. E secondo voi io sono entrato in Parlamento per spartirmi le vacche, come hanno fatto i partiti in passato? Francamente ho un’altra etica”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Sansa: “Di Maio? Sentire che punta il dito contro le ong mi fa venire il sangue agli occhi”

next
Articolo Successivo

M5s, Di Battista: “Libertà di stampa? Pericolo non è Grillo, ma editori impuri come Berlusconi, De Benedetti e Caltagirone”

next