La sensazione di attesa, il tempo che scorre lento in un campo profughi allestito sulle rive del lago di Como, dove Lamin ha vissuto per nove mesi. Ma è una sensazione che accomuna tutti i richiedenti asilo arrivati in Europa, che aspettano anche più di un anno per sapere se hanno diritto a rimanere nel paese di accoglienza.  Un’attesa logorante, che mette il cervello a dura prova, in un’anima che è stata già lacerata dalle torture subite durante il viaggio.

The True Journey” è un webdoc in quattro puntate in cui Lamin, attraverso i suoi disegni, vuole raccontare il “vero viaggio” di un migrante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biotestamento, parroco molisano suona le campane a morto: “Lo Stato ha messo in atto un inno alla morte”

next
Articolo Successivo

Amici di Maria, se ti palpano il culo quando non vuoi non c’è proprio niente da ridere

next