Sabato 22 aprile andrà in onda alle 19.30 su Sky Arte HD e Sky TG24 Active “Io sto con la sposa”, il docufilm firmato con Antonio Augugliaro e Khaled Soliman Al Nassiry da Gabriele Del Grande, il giornalista e documentarista fermato al confine fra Turchia e Siria il 10 aprile scorso e da allora trattenuto in nel centro di detenzione amministrativa di Mugla, sulla costa egea della Turchia.

Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un’amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. “Chi mai chiederebbe i documenti a una sposa?”, si sono detti i tre registi dell’impresa e del film. Così mascherati, attraverseranno l’Europa da Sud a Nord, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un’avventura carica di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro accompagnatori, mostra un’Europa sorprendente. Una comunità transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una messa in scena che ha dell’incredibile. Eppure è il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.

 Dopo aver concluso le riprese, i realizzatori del film hanno avviato il 18 maggio 2014 una campagna di crowdfunding per finanziare e completare la post-produzione del film entro il 16 luglio 2014, in tempo per presentarlo alla 71ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia nella sezione Orizzonti, prima di sbarcare in sala.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

#IOSTOCONGABRIELE

next
Articolo Successivo

Biotestamento, in Molise i preti suonano le campane a morto. Lorenzin: “Alcuni elementi da rivedere al Senato”

next